Loader

Savoiarda

2013-02-15
  • Porzioni: 4
  • Tempo di preparazione: 20m
  • Tempo di cottura: 50m
  • Pronto in: 1:10 h
Voto medio dei membri

forkforkforkforkfork (4.5 / 5)

4.5 5 2
Valuta questa ricetta

fork fork fork fork fork

2 La gente ha valutato questa ricetta

Ricette correlate:
  • Scampi alla busara

    Scampi alla busara

  • polpo con patate

    Insalata di polpo con patate

  • Salmone alla piastra

    Salmone alla piastra

  • Spaghetti con gamberetti, pomodorini e prezzemolo

    Spaghetti con gamberetti, pomodorini e prezzemolo

  • Nasello in padella

    Nasello in padella

La savoiarda è un piatto originario della cucina Ligure. Si tratta di una ricetta molto facile da preparare.

Ingredienti

  • 150 grammi di olive nere
  • 500 grammi di peperoni (misti tra gialli e rossi)
  • peperoncino rosso possibilmente piccante
  • 1 chilogrammo di polpo ( che può essere sia fresco che surgelato) ma questo pesce può essere sostituito con seppie, calamari e moscardini
  • 3 spicchi di aglio
  • olio extravergine d'oliva
  • sale ( quanto basta)

Metodo

Passo 1

Prima di tutto provvedere a pulire il polpo e a lavarlo, in seguito lasciarlo sbollentare per un tempo che oscilla tra i 50 minuti fino a massimo di un'ora, appena cotto salarlo nella sua stessa acqua e lasciarlo raffreddare (la tradizione inoltre vuole che nell'acqua di cottura bisogna mettere un tappo precisamente di sughero in modo tale da rendere più morbido il polpo).

Passo 2

Se si utilizzano altri molluschi come totani e seppie, provvedere a sbollentare anch'essi in seguito perchè hanno tempi diversi di cottura dal polpo. Nel frattempo cuocere i peperoni nel forno. In seguito tagliare a pezzi e pulire gli spicchi di aglio e metterli in una vaschetta, ai quali verranno aggiunti i peperoni cotti, spellati e fatti a striscioline.

Passo 3

Infine aggiungere tutti i molluschi tagliati in tanti piccoli pezzettini, le olive e se gradite anche il peperoncino tagliato in piccoli pezzi.Irrorate con olio e salate a vostro piacimento.Siccome va servito freddo lasciar riposare alcune ore in frigo, dopo di che impiattate e servite!

Inoltre un piatto cosi saporito e con una aromaticità persistente dal punto di vista del gusto e dell’olfatto e dato anche dal sapore dell’olio non che extravergine d’oliva può essere accompagnato da un vino bianco soprattutto fresco e dalla consistenza leggera provvisto di bollicine come un bel Franciacorta Satèn. Questo vino presenta un colore giallo paglierino a volte con dei riflessi tendenti al dorato o al verde, un odore molto fine e composto e infine con un sapore fresco ed armonico che si sposa bene con i piatti a base di pesce.