Crostini di pitigliano

2012-11-11
Crostini di pitigliano
I crostini di Pitigliano, come suggerisce il nome, sono un antipasto tipico della tradizione culinaria toscana. È un piatto povero dal gusto forte che viene abitualmente servito durante la cena della vigilia di Natale.

Ingredienti

  • 4 fette di pane toscano
  • 6/8 filetti di acciughe
  • un cavolfiore piccolo
  • uno spicchio di aglio
  • sale
  • pepe bianco
  • olio evo

Preparazione

Step 1

Mettete a bollire una pentola di abbondante acqua leggermente salata. Poi prendete il cavolo fresco, lavatelo accuratamente e tagliatelo a "ciuffetti". Quando l'acqua bolle potete buttare le cimette di cavolfiore per lasciarle cuocere un quarto d'ora, controllando comunque l'effettiva cottura. Una volta pronto, scolate il cavolfiore e lasciatelo riposare a parte.

Step 2

Prendete una padella, versate l'olio extra vergine di oliva e lasciate rosolare per qualche minuto mezzo spicchio di aglio. Togliete l'aglio, che per qualcuno può risultare indigesto, e aggiungete le acciughe spezzettandole con i rebbi di una forchetta, lasciandole cuocere e sciogliere per qualche minuto.

Step 3

A parte scaldate il pane con il tostapane o direttamente nel forno poi strofinate con l'aglio rimasto tutte le fette, ornatele con un po' di cavolfiore e condite con sale, pepe bianco macinato e l'olio con le acciughe. È consigliabile servire i crostini caldi.

Abbinamenti consigliati:
Questo saporito antipasto si presta ad essere servito con un buon vino rosso come il Montecarlo Rosso, un vino DOC prodotto nella zona di Lucca che ha un colore rosso rubino, un odore intenso e un sapore asciutto ed invecchiato.
I crostini di Pitigliano si prestano ad essere abbinati ad altri antipasti a base di salumi, a primi piatti saporiti e a secondi piatti di carne.
Si possono preparare anche piatti misti di crostini con salsiccia, stracchino, interiora e salse varie.
Un’ottima accoppiata potrebbe essere creata con la “ribollita”, primo piatto toscano a base di verdure. Questa pietanza, secondo l’usanza contadina, si ottiene facendo ri bollire le verdure avanzate con pane raffermo. La ribollita principalmente è composta da fagioli, verza e cavolo nero, ma contiene anche carote, patate, bietole, cipolla, sedano, porro e pomodori pelati.
  • Persone : 4
  • Preparazione :
  • Cottura :
  • Pronta in :