Zuppa di carpa

2013-02-03
Zuppa di carpa
La carpa è un pesce non molto diffuso sulle nostre tavole. Sebbene, talvolta, sia allevato nelle risaie, di questo pesce d’acqua dolce, che può assumere anche dimensioni piuttosto grandi (fino a 15 Kg), non se ne fa un grande uso.
Certo che la nomea di pesce che spesso “sa di fango” non aiuta, ma una buona carpa proveniente da acque pulite cucinata in modo intelligente può essere una sorpresa. Nella “zuppa di carpa” che presenteremo, tutti gli accorgimenti per nasconderne eventuali “difetti” non mancano.

Ingredienti

  • 4 tranci di carpa da circa 150 g
  • 4 cipolle affettate sottilmente
  • 2 carote a tocchetti
  • 2 gambi di sedano a pezzetti
  • 2 patate pelate e tagliate a cubetti di 2 cm di lato
  • Uno spicchio d'aglio tritato
  • 4 pomodori San Marzano pelati e tagliati a filetti
  • 200 g di vino rosso (Chianti, ad esempio)
  • Brodo vegetale (circa 500 g)
  • Prezzemolo
  • Sale
  • Pepe
  • Olio extra vergine di oliva

Preparazione

Step 1

Prendete una capace padella antiaderente e, in 5 cucchiai di olio evo, fate appassire a fuoco lento le cipolle con un pizzico di sale, senza far bruciare. Dopo una decina di minuti aggiungete carote, sedano e patate, e continuate la rosolatura per altri 10 minuti. Ora aggiungete i tranci di carpa e rosolateli su entrambi i lati, quindi aggiungete il vino rosso che farete evaporare a fuoco vivace.

Step 2

Aggiungete i pelati e l'aglio e proseguite la cottura per 30-40 minuti, mescolando le verdure e girando ogni 10 minuti circa i tranci di carpa. man mano che il tutto si asciuga troppo, aggiungete un mestolo di brodo vegetale caldo.

Step 3

Dopo 20-25 minuti regolate di sale e pepe, quindi terminate la cottura mescolando accuratamente e con delicatezza per non danneggiare i tranci di pesce. Accomodate in fondine individuali riscaldate accompagnando con pane casereccio.

Il vino da accostare a questo piatto può essere lo stesso Chianti, giovane e fresco, che avete usato per la cottura o, se il rosso con il pesce vi lascia perplessi (o non volete osare), un rosato come il Montepulciano d’Abruzzo Doc Cerasuolo.

  • Persone : 4
  • Preparazione :
  • Cottura :
  • Pronta in :