Sugarello

sugarello

Sugarello

Le caratteristiche del sugarello
Il sugarello, il cui nome specifico è Trachurus Trachurus, è un pesce gregario dotato di un corpo molto lungo ed estremamente slanciato. Popolare soprattutto nel Mar Adriatico, il suo colore può virare dal grigio quasi argentato della zona del ventre fino al verde, quasi blu, del resto caratteristico invece del dorso. Quando raggiunge l’età adulta esso arriva fino ai cinquanta centimetri di lunghezza. Il suo peso è di solito compreso tra i centocinquanta e i duecento grammi. Il sugarello predilige di gran lunga i fondali: è solito muoversi infatti in acqua molto profonda, aspetto che lo rende difficile da intercettare per i pescherecci. Nonostante ciò, gli esemplari più giovani vivono generalmente più vicino alla costa: questo li rende molto più facili da catturare rispetto agli esemplari adulti.

Sugarello calorie e valori nutrizionali

Il suo apporto calorico è adatto anche per chi è a dieta: esso infatti fornisce solo 104 calorie per cento grammi, caratteristica che lo rende perfetto per essere inserito in più regimi alimentari senza particolari sensi di colpa.
Il sugarello è un pesce solo apparentemente povero, perché è in realtà estremamente ricco di nutrienti che fanno benissimo al nostro organismo. Primi tra tutti sono sicuramente gli Omega 3, dei veri e propri gioiellini di bontà che rendono il pesce azzurro uno degli alleati principali della salute del nostro organismo. Oltre che estremamente ricco di Omega 3, all’interno del sugarello si trova moltissimo calcio, che fa molto bene alle ossa.

Come acquistare e pulire il Sugarello

Lo si trova principalmente durante la stagione estiva, quando è in assoluto uno dei pesci più economici da acquistare. Come tutto il pesce azzurro, abbiamo visto che le sue qualità a livello nutrizionale sono ottime. Nonostante quest’ottima presentazione, è davvero poco conosciuto al grande pubblico. Uno dei motivi per cui è davvero strano che questo pesce azzurro non conosca maggiore successo è la sua facilità di pulizia. Infatti, dopo essere stato lavato e squamato, mentre il pesce viene pulito, le lische vengono via quasi da sole, grazie anche al fatto che il sugarello è un pesce che risulta molto polposo.

Come cucinare il Sugarello

Il sugarello è un pesce molto versatile. Eppure, riesci a indovinare la sua destinazione d’uso principale in cucina, ossia quella che genera un vero e proprio matrimonio d’amore? Se cerchi un indizio, basta pensare al suo nome. Il sugarello è infatti estremamente adatto ad essere impiegato nella realizzazione di buonissimi sughi. La sua funzione principale in cucina dunque è quella di impreziosire i primi piatti della tradizione culinaria italiana.

Il sugarello è un pesce che viene spesso impiegato anche solo per realizzare un semplice sugo a base solo di pomodoro. Questo tipo di sugo, in virtù della sua semplicità e versatilità, è perfetto per accompagnare sia pasta lunga, come gli spaghetti anche nella versione alla chitarra, sia pasta corta come ad esempio i ditalini, perfetti per raccogliere il gustosissimo sugo. Con un buon primo a base di sugarello, tutti i sapori del Mediterraneo più autentico si sprigionano uno per uno nei nostri piatti, per farci provare un’esperienza meravigliosa. Un pesce legato alla tradizione, che non sfigura anche all’interno di menu ben più moderni. Una vera e propria meraviglia dei nostri mari, che può donarci immediatamente un twist unico.

Un grande classico è sicuramente il sugarello all’acqua pazza. Questa metodologia è certamente una delle più tipiche che vengono impiegate nella cucina italiana per valorizzare un buon pesce. In questo caso il sugarello viene appoggiato su di un letto di crostini. Come prepararlo? Il pesce va lavato e squamato, successivamente viene tuffato in padella con aglio, peperoncino, prezzemolo, cipolla, sale, abbondante vino bianco e olio extra vergine d’oliva. Per chi lo gradisce, vengono aggiunti pomodorini a tocchetti.

Un’altra classica preparazione vuole il sugarello protagonista di un altro piatto preparato in padella, dove il pesce azzurro è reso ancor più corposo grazie all’aggiunta di pangrattato con il quale viene cosparso.

Inoltre, la massima versatilità di questo pesce lo rende ideale per essere impiegato all’interno di zuppe di pesce o, ancora, per essere messo in guazzetto assieme a peperoni e pomodori.

Infine, per chi deve seguire un regime alimentare improntato a una certa rigidità, il sugarello può essere fatto bollire in acqua, limone e sale e condito solo con abbondante prezzemolo e un poi di colpo extra vergine d’oliva.

Sugarello ricette

Pensare alle ricette che vedono protagonista il nostro sugarello significa compiere un vero e proprio giro per tutto lo stivale. Già, perché i piatti che impiegano questo pesce estremamente versatile sono un vero e proprio racconto, spesso inedito per i più, delle tradizioni culinarie del nostro paese. Ecco allora che, da Nord a Sud, esplorare gli usi del sugarello in cucina significa andare alla scoperta delle bontà regionali di Marche, Puglia e Sardegna. Partendo dalle Marche, dove i suri (termine locale con cui viene conosciuto il nostro sugarello) si gustano sottovento. Questo piatto è una specie di peperonata, che viene preparata ovviamente in estate e può essere gustata tiepida. L’ingrediente speciale? Ovviamente, il sugarello.
In Sardegna, il versatile pesce azzurro diviene protagonista assoluto della classica e tradizionale agliata. Attenzione però: per realizzare questo piatto è necessario impiegare solo i sugarelli di dimensioni più piccole. Infine, è il momento di approdare in Puglia, il tacco del Bel Paese, dove troviamo i filetti di sugarello alla pugliese. Qui il pesce azzurro viene condito con i più classici ingredienti immancabili della tradizione pugliese. Quali? Aglio, prezzemolo, vino bianco, olio extra vergine d’oliva e olive, rigorosamente della regione. Nelle versioni più originali, dove la creatività regna sovrana, vengono provati accostamenti azzardati come quello con il caciocavallo.
Altre ricette si trovano in Campania, dove il sugarello è protagonista di un ottimo primo a base di paccheri.

Sugarello consigli

Per gustare al meglio il sugarello, è necessario rispettare i dettami della tradizione, che lo vogliono valorizzato al meglio nei sughi. Se però amate sperimentare, è possibile pensare anche di realizzare delle buonissime polpette a base di pesce, dove il sugarello rispetta il proprio ruolo naturale di pesce gregario facendo da “comparsa” assieme a pesci dal sapore più pronunciato. Un paio di filetti di alici, due o tre sgombri, qualche triglia: ecco solo alcune delle idee per dei matrimoni d’amore con partner molto più “audaci”, che possono creare una combinazione unica di sapori.
Un altro consiglio molto importante è quello di acquistarlo solo quando esso è di stagione, ossia in estate in modo da assicurarsi che sia il più fresco – ed economico – possibile.