Come cucinare la ricciola

come cucinare la ricciola

Come cucinare la ricciola

La ricciola è un pesce della categoria dei predatori che si trova in maniera prevalente nei mari del sud.
La sua ottima qualità è caratterizzata da un sapore delicato ed una polpa morbida, bianca e con poche spine.
È una tipologia di pesce molto prelibata che ben si presta ad essere cucinato in diverse maniere, ottenendo sempre risultati di elevata qualità.
Vediamo insieme come cucinare la ricciola attraverso alcune ricette in cui la ricciola è la grande protagonista.

La prima ricetta su come cucinare la ricciola è la ricciola al forno con capperi e limone.
Gli ingredienti sono: 2 fette di ricciola, mezzo limone, 70 ml di olio extravergine di oliva, prezzemolo tritato, uno spicco di aglio tritato, cumino macinato, pepe macinato, origano secco macinato e un cucchiaio di capperi dissalati ed una scorza di limone.
Questo il procedimento per la preparazione del piatto.
Grattuggiare la scorza di limone e metterla da una parte, poi spremere il limone e metterlo in una ciotolabinsieme a tutti gli altri ingredienti, esclusa la scorzandi limone e i capperi.
Tagliare il pesce in filetti e riporlo in un contenitore ermetico coprendo completamente il pesce con l’olio marinato in precedenza.
Agitare il contenuto e lasciarlo riposare per circa 30 minuti.
Mettere il contenuto del nostro contenitore ermetico in una teglia da forno rivestita dalla carta apposita, e fatela cuocere nel forno, sotto il grill, per almeno 20 minuti.
Togliete la teglia e guarnitela con la scorza di limone e i capperi.

La ricciola alla moda di Lipari è una ricetta ottima e gustosa, vediamo insieme come si prepara.
Gli ingredienti per 4 persone sono: 4 ricciole da circa 400 grammi l’una, 3 patate grandi, prezzemolo tritato, circa 10 pomodorini pachino, 1 cucchiaio di peperoncino macinato, 1 spicco d’aglio ben tritato, 2 cucchiai di capperi, 1 cucchiano di origano, un limone, salvia ed olio extravergine di oliva.
Per prepararlo bisogna prima pulire il pesce e lavarlo bene, pelare le patate e tagliarle a fettine molto sottili.
Tagliuzzare i pomodorini e mescolarli con le patate, i capperi, l’aglio, il prezzemolo, il peperoncino, il sale e l’olio extravergine d’oliva che deve essere abbondante.
Poi bisogna imbottire l’interno della pancia del pesce con la salvia, il prezzemolo, una fettina di limone e salarlo bene ed incidete il dorso del pesce.
Adesso mettete il pesce in una teglia contenente delle patate e aggiungete ancora dell’olio, coprite il contenuto con la carta stagnola e fattelo cuocere per circa 20 minuti con una fiamma allegra.
Trascorsi i 20 minuti, controllate il pesce, fatte dei buchetti nella carta stagnola e fattelo cuocere per altri 5 minuti.
Terminata la procedura servite le ricciole calde, una vera lecornia.

L’ultima ricetta che proponiamo è leggermente più esotica su come cucinare la ricciola, ed è la ricciola con ananas e zenzero, un sapore diverso dal solito ma molto appetitoso.
Gli ingredienti per 4 persone sono: 4 tranci di ricciola per un peso complessivo di circa 800-1000 grammi, 100 ml di succo d’ananas, 200 grammi di patate viola, 100 grammi di indivia belga, 2 grammi di zenzero, 1 finocchio, 20 gr di aceto di lampone, 20 grammi di erba cipollina, pepe, sale, 60 grammi di succo di barbabietola, olio extravergine di oliva.
Squamare e pilure il pesce, fare 4 filetti e con il resto fare una tartare e condirla con olio,sale, pepe e cipollina.
Fare una purea di patate, pulire e tritare l’anans e mettere lo zenzero, centrifugarlo e metterlo in un bicchiere.
Salare e pepare la ricciola, grigliarla e dopo metterla in forno a 190 gradi con la purea di patate per soli 2 minuti.
Tagliare a julienne l’indivia, e condirla con il succo della barbabietola, olio e aceto di lamponi.
Servitelo con la ricciola e le patate, mettendo ad un lato del piatto anche ananas e zenzero.