Astice surgelato

Astice surgelato

Astice surgelato

Perché scegliere il pesce surgelato

Pratico, economico, senza spine e assolutamente sicuro. Il pesce surgelato è l’alternativa ideale al fresco, sia quando questo manca sul banco del pescivendolo sia quando abbiamo bisogno di un alimento buono e facile da cucinare. Da un punto di vista nutritivo è una scelta perfetta perché i pesci surgelati mantengono intatte tutte le caratteristiche organolettiche dei freschi. Il congelamento infatti non ne altera affatto il valore nutritivo. Scegliendo il pesce surgelato abbiamo la certezza di offrire a noi e alla nostra famiglia la stessa dose di proteine, sali minerali, grassi e vitamine del crudo. Dopo esser stati puliti, eviscerati, a volte spinati, i pesci vengono immediatamente surgelati. Questo processo elimina qualsiasi carica batteriostatica e consente alla carne di rimanere soda e compatta. Inoltre, ultimo vantaggio ma non per importanza, il pesce surgelato permette di avere a disposizione tutto l’anno qualsiasi tipo di pesce, mollusco o crostaceo.

L’astice surgelato caratteristiche

Delicato, prezioso e, secondo alcuni, afrodisiaco, l’astice è il re incontrastato delle sontuose tavole natalizie, l’unico periodo dell’anno in cui è possibile reperirlo vivo. Spesso confuso con l’aragosta, l’astice è il crostaceo più grande del Mediterraneo. Il suo tratto caratteristico sono le due grandi chele anteriori e le dimensioni piuttosto ragguardevoli. L’astice nostrano si distingue dall’americano per una sottile sfumatura bluastra e piccole macchie gialle sul dorso. È un esemplare piuttosto raro e, a differenza di quello americano, non si alleva.

Il contenuto nutritivo è molto interessante. La carne pregiata è ricca di proteine, vitamine del gruppo B, fosforo e potassio. Una piccola curiosità: il carapace contiene un polisaccaride, la chitina, che opportunamente trattata rilascia una sostanza chiamata chitosano, utilizzata in tutto il mondo come integratore nelle diete dimagranti. Il contenuto calorico è molto basso (82 calorie per 100 grammi) e le carni sono gustose e altamente digeribili.

Scegliere l’astice surgelato è conveniente soprattutto dal punto di vista della sicurezza. Il congelamento avviene infatti secondo le ultime tecnologie, formulate appositamente per garantire al consumatore consapevole qualità e gusto. Quando stiamo per comprare un astice surgelato dobbiamo verificare che il crostaceo sia integro e senza parti morbide al tatto. Una volta acquistato, occorre sistemarlo nel freezer casalingo, avendo cura di posizionarlo lontano dalle pareti ghiacciate.

Preparare l’astice surgelato per la cottura è molto semplice, l’importante è scongelarlo nella maniera corretta. Vietato utilizzare l’acqua calda pena la perdita di liquidi e sostanze nutritive! Il nostro crostaceo va messo in frigorifero per tutta la notte. Se si ha necessità di velocizzare l’operazione è possibile immergerlo, ben chiuso, in un contenitore con acqua fredda. Una volta pronto, ricordiamo di cucinarlo in fretta perché la carne è facilmente deperibile. Se non si ha voglia di impegnarsi in ricette particolari, l’astice è buonissimo semplicemente bollito e condito con un giro d’olio, sale dell’Himalaya e limone. Pulirlo dopo la cottura è facile, dobbiamo semplicemente tagliare la pellicina sul ventre ed estrarre la polpa mentre le chele possiamo aprirle con uno schiaccianoci.

Ricette astice surgelato semplici e veloci

Non c’è bisogno di essere degli chef per cucinare piatti strepitosi a base di questo crostaceo. Bastano un pizzico di fantasia, gusto e creatività per stupire i nostri ospiti. Per iniziare vi proponiamo un antipasto semplice eppur degno della tavola del miglior gourmet:

Canapé all’astice surgelato

2 astici già bolliti e tagliati a dadini
3 cucchiai di ketchup
2 cucchiai di brandy di ottima qualità
1 pizzico di paprika affumicata
dragoncello (fresco o essiccato)
4 cucchiai di maionese
pane bianco per tramezzini
1 pizzico di sale grigio di Bretagna

In un contenitore mescoliamo la paprika, il cognac, la maionese, il ketchup e il dragoncello. Uniamo il sale e il pepe e facciamo riposare in frigorifero per circa trenta minuti. Nel frattempo ritagliamo dei piccoli quadrati dalle fette di pane per tramezzini. Spalmiamo ognuno con il composto di maionese, guarniamo con un dadino di astice e decoriamo con una foglia di prezzemolo o qualche uova di lompo.

E per gli amanti della pasta non poteva mancare questa ricetta:
Spaghetti all’astice surgelato (dosi per 4 persone)

400 grammi di spaghetti trafilati al bronzo
1 grappolo di pomodori pachino
2 spicchi di aglio
mezzo bicchiere di vino bianco
2 astici scongelati e privati di chele e carapace
1 mazzo di prezzemolo
sale e pepe bianco

In una padella rosoliamo l’aglio con 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva. Aggiungiamo i pomodori a pezzetti, sale e pepe, sfumiamo con il vino e lasciamo cuocere per circa dieci minuti. Uniamo l’astice tagliato a dadini e spegniamo la fiamma dopo cinque minuti. Saltare nel condimento gli spaghetti al dente e decoriamo con prezzemolo fresco tritato.

Vogliamo stupire i nostri ospiti? Niente di meglio allora dell’astice allo zafferano! Pochi ingredienti e una preparazione semplicissima per un piatto incredibile! Unico requisito indispensabile l’alta qualità delle materie prime.

Astice surgelato allo zafferano

1 astice scongelato
zafferano in polvere di ottima qualità
pepe bianco
sale
burro morbido

Lasciamo cuocere l’astice in acqua bollente per cinque minuti. Nel frattempo impastiamo il burro con lo zafferano, il sale e il pepe. Scoliamo il crostaceo con cura, dividiamolo a metà e spalmiamo sulla carne il composto di burro. Completiamo a cottura in forno a 180° per altri cinque minuti. Serviamo ben caldo.

Per finire vi proponiamo una ricetta che saprà conquistare qualsiasi palato: l’astice grigliato. La morbidezza delle sue carni incontra un condimento tipico siciliano, il salmoriglio, per un esplosione di gusto e sapore!

Astice surgelato grigliato al salmoriglio

1 astice scongelato

per la salsa:
1 bicchiere di olio extravergine di oliva (circa 200 ml)
il succo di due limoni medi
sale
pepe
origano e prezzemolo tritati
2 cucchiai di acqua calda

Tagliamo a metà l’astice, senza eliminare il guscio. Spennelliamo con po’ di olio e facciamolo cuocere per circa dieci minuti sulla griglia. In un mixer mettiamo l’olio e l’acqua calda. Iniziamo a frullare unendo il succo di limone, l’origano, il prezzemolo, il sale e il pepe. Spennelliamo il nostro astice grigliato con la salsa appena preparata e serviamo ben caldo.