Risotto alla trota

2013-01-09
Risotto alla trota - Primi piatti Cucina del Trentino Alto Adige
Valutazione media utenti

(5 / 5)

5 5 2
Vota questa ricetta

2 persone hanno già votato

Condividi

Ecco di seguito la descrizione passo per passo della ricetta per la preparazione di uno squisito “risotto alla trota”, facile da cucinare, un piatto abbastanza economico, e soprattutto indicato per coloro che sono in regime di dieta alimentare.

Ingredienti

  • 500 gr di riso per risotti
  • 5 filetti di trota o trota salmonata
  • 1 dado per brodo vegetale
  • 1 cipolla novella piccola o un piccolo scalogno
  • 30 gr di burro
  • 1 bicchiere di vino bianco
  • olio extra vergine di oliva
  • pepe macinato
  • sale fino

Preparazione

Fase 1

Prendere una padella con il fondo anti aderente, versare un goccio di olio extra vergine e aggiungete i filetti di trota tagliati a pezzetti piccoli ed uniformi tra loro. Subito dopo aggiungete anche il burro, il pepe macinato quanto basta e salate bene il tutto.

Fase 2

Dopo circa 10 minuti, aggiungete anche la cipolla ( potete utilizzare anche lo scalogno che differisce perchè ha un retro gusto più delicato ) tagliata finemente e il riso, che dovrete far tostare in padella aiutandovi con un mestolo di legno per parecchi minuti; fare attenzione e assicurarsi che il riso sia ben amalgamato con gli altri ingredienti e non si attacchi al fondo del tegame.

Fase 3

Appena avrete finito di mescolare, aggiungere un mestolo di brodo vegetale ( ottenuto in precedenza facendo scogliere il dado in un pentolino con molta acqua o potete far uso anche del dado solubile ) e il bicchiere di vino bianco. Il riso deve essere mescolato più volte durante il processo di cottura permettendo all'amido contenuto di fuoriuscire e dare corposità così al risotto.

Fase 4

Se il liquido di cottura dovesse finire, aggiungete sempre un mestolo di brodo a filo e continuare la cottura per il tempo indicato sulla confezione del riso. Al termine della cottura, spegnere il fuoco, procedere con l'impiattare il riso accompagnando con una spolverata di parmigiano reggiano (opzionale) o per i gourmet con alcune foglie di radicchio.

Questa portata può essere accompagnata da un secondo piatto di pesce al forno e un calice di vino bianco poco frizzante e dal gusto aromatico.