Lampuga

lampuga

Lampuga

La LAMPUGA o anche meglio conosciuta con il nome di CAPONE,appartiene alla famiglia del Coryphaena hippurus,ed è uno tra i pesci azzurri più famosi e apprezzati per eccellenza in Italia. Questo è dovuto soprattutto al suo delizioso sapore ed anche per il suo costo molto economico. Caratterizzata da una carne bianca e molto tenera, la lampuga può essere mangiata in tutte le occasioni,con amici,parenti grazie ai mille modi che ci sono per prepararla in modo semplice e veloce.

Proprio per quel che riguarda le ricette ,una di quelle tipiche di cui sicuramente si sente parlare molto spesso è “la lampuga alla siciliana” che prende questo nome proprio per la provenienza della zona, infatti la lampuga la si può trovare nel sud Italia e soprattutto in Siclia ma anche in Campania,che sono i luoghi dove c’è una grande affluenza di questo pesce specialmente nei periodi estivi quindi si parla di luglio,ma soprattutto anche ad agosto e settembre.

Infatti sono molti i pescatori che riescono a fare grandi pesche per poi vendere tutto ciò e trarne un grande profitto, poichè la carne della lampuga viene ben pagata. Un’altra caratteristica che si può considerare di questo pesce sono le calorie,infatti cento grammi di lampuga corrispondono a ottanta calorie circa, di cui la maggior parte sono tutte proteine che nella dieta quotidiana sappiamo essere di fondamentale importanza,oltre a contenere vitamine, ferro e altri valori nutrizionali molto importanti per la nostra salute.

A tal proposito ci si potrebbe chiedere se esistono dei pericoli per la salute o se potrebbe dare alcuni effetti collaterali, ma la risposta è no, ovviamente però come per tutti i cibi e per tutti i pesci si devono prendere gli dovuti accorgimenti, specialmente nella cottura e nel pulire il pesce poichè questo potrebbe altrimenti favorire proliferazioni batteriche e causare delle infezioni come ad esempio la salmonellosi. Ovviamente si raccomanda sempre di fare attenzione a non mangiare il pesce crudo,di lavarlo, pulirlo per bene specialmente se fresco,onde evitare tutto ciò ma aldilà di queste piccole precauzioni non c’è da preoccuparsi.

Lampuga ricette

Quindi ancora prima di vedere quali sono le varie ricette per mangiare la lampuga, ci si può soffermare su quali sono i modi per cuocerla.
Ce ne sono diversi ma ovviamente dipende anche se il pesce è fresco o surgelato, ovviamente sarebbe meglio fresco per dei piatti più gustosi proprio come sapore,magari meglio ancora se si richiede di farlo pulire dal pescivendolo ancora prima di acquistarlo,ciò non toglie che si può pulire anche a casa ma ovviamente se non si è capaci meglio farlo prima. Insomma se prenderlo fresco o surgelato è una scelta in base a la come si preferisce.

La lampuga alla siciliana

Una delle prime ricette come anche appunto citato sopra é proprio “LA LAMPUGA ALLA SICILIANA”.Questo è un ottimo piatto,poichè è molto semplice da preparare e veloce infatti richiede solo quindici minuti del vostro tempo ma con un risultato che soddisferà tutti.

Gli ingredienti per quattro persone sono:
-Una lampuga o capone da un chilo
-capperi (due cucchiaini)
-olive verdi denocciolate (due cucchiai)
-prezzemolo
-olio extravergine d’oliva q.b
-sale q.b
-peperoncino q.b
-due spicchi d’aglio
-polpa di pomodoro 350 gr
-vino bianco 50 ml
-una cipolla

Una volta preparato gli ingredienti,ecco il procedimento per la ricetta:
-Per prima cosa è pulire la lampuga o averla già pulita.
Detto questo tutto ciò che si deve fare in modo molto molto semplice è tritare la cipolla,il prezzemolo e l’aglio,e intanto far stare i capperi in ammollo per circa cinque-dieci minuti e passato questo tempo bisogna scolarli.
N.b se volete un piatto in cui si senta meno aglio possibile si può semplicemente mettere intero senza essere tritato in modo tale che a fine cottura si può togliere.
-Dopo aver tritato il tutto,prendere un tegame e versare un pò di olio e aggiungere il trito fatto poco prima.
-Far rosolare il tutto per bene a fuoco basso e aggiungere gli altri ingredienti ossia i capperi e le olive.
-Lasciare giusto trenta secondi e aggiungere per sfumare il vino bianco così da dare maggiore sapore al piatto.
-Dopo circa un minuto aggiungere tutto il resto degli ingredienti quindi la polpa di pomodoro,peperoncino,e aggiustare di sale.
-L’ultima cosa è far stare il tutto a insaporirsi per circa dieci-dodici minuti e dopo che è trascorso questo tempo aggiungere la lampuga e ultimare la cottura facendo stare a cuocere per altri cinque o dieci minuti.
-Adesso il piatto è pronto e per guarnirlo e inpiattarlo basterà servirlo con altro prezzemolo sopra.

Lampuga al forno

Un’altra ricetta molto conosciuta e squisita è “LA LAMPUGA AL FORNO
Anche questo è un piatto molto semplice e veloce da realizzare e gli ingredienti per prepararla sono:

-lampuga da un chilo (si ricorda che deve essere pulita e solo lavare sotto acqua corrente)
-una cipolla
-cinque patate
-vino bianco (un bicchiere)
-olio extravergine di oliva
-sale q.b
-pepe q.b
-mezzo limone
-olive
-pomodorini ciliegini ( ne vanno bene dieci o dodici)

IL PROCEDIMENTO PER LA LAMPUGA AL FORNO
Le prime cose che vanno fatte sono :
-tagliate le cipolle e fatte a spicchi
-snocciolate le olive
-lavati i pomodorini
-pelate,tagliate le patate e salate. Fatto ciò prendere una teglia e versare l’olio,così da disporci la lampuga,nel quale all’interno della cavità andrà messo: un pomodorino,mezzo limone e uno spicchio di cipolla.
Tutti gli altri ingredienti precedentemente preparati andranno disposti sulla teglia con olio accanto alla lampuga.Nel frattempo accendere il forno a 180° poichè deve essere già caldo.
Quando quest’ultimo si sarà riscaldato mettere il pesce a cuocere per circa venti minuti,ma dopo i primi dieci minuti di cottura va aggiunto il vino e aggiustato di sale.Adesso non rimane che ultimare la cottura e servirlo.

Capone in umido

L’ultima ricetta che si propone è il CAPONE IN UMIDO

Per prepararlo occorreranno:
-un chilo di lampughe (tagliati a tranci)
-una cipolla tritata
-500 grammi di pomodori
-500 grammi di patate
-prezzemolo
-sale q.b
-pepe q.b
-olio extravergine d’oliva

PROCEDIMENTO CAPONE IN UMIDO
Bisognerà:
-Tritare la cipolla
-Tagliare a pezzetti i pomodori
-Pelare le patate e tagliarle a tocchetti
Successivamente prendere un tegame e versare olio con all’interno la cipolla tritata e pomodori aggiungendo un pizzico di sale e pepe.
Lasciar cuocere il tutto per circa quindici minuti.
Una volta passato il tempo si aggiungono le patate e si lasciano cuocere per altri quindici minuti aggiungendo un pò d’acqua se serve.
Arrivati a questo punto mettere il prezzemolo e la lampuga aggiustando con altro sale e pepe e far andare per altri quindici o venti minuti a fuoco basso.
Infine aggiungere a piacere altro prezzemolo e servire.