Gamberoni fritti

gamberoni fritti

I gamberoni fritti costituiscono un piatto gustato dai palati di tutto il mondo. Dalla tempura giapponese alle semplici fritture miste che riempiono le tavole dei ristoranti italiani e mondiali, questo piatto si presta perfettamente ad essere un gustoso e prelibato secondo o un veloce e pratico antipasto a base di pesce.

Ingredienti

Preparazione

Step 1

Sgusciare i gamberoni, lasciando intatte le code. Rimuovere il filo nero intestinale praticando un leggero taglio sul dorso. Lasciar scolare i gamberi dopo averli lavati e puliti accuratamente. Infarinare i gamberoni per prepararli alla frittura.

Step 2

Un metodo molto pratico e veloce per effettuare questa operazione consiste nel servirsi di un sacchetto per congelare gli alimenti. Inserire i gamberoni nel sacchetto, aggiungendo qualche cucchiaio di farina di grano duro. Si preferisce questa farina rispetto a quella di grano tenero per la sua capacità di avere una presa maggiore sugli alimenti e, quindi, per il vantaggio di non staccarsi durante la frittura.

Step 3

Agitare vigorosamente il sacchetto, fino a quando i gamberoni non saranno completamente ricoperti di farina. Far scaldare l'olio in una padella e, durante l'attesa, inserire i gamberoni infarinati in un setaccio, scuotendo delicatamente per eliminare la farina in eccesso. Calare i gamberoni nell'olio bollente e lasciarli cuocere per qualche minuto, fino a quando non iniziano a diventare dorati e croccanti.

Step 4

Sollevare i gamberoni con un cucchiaio forato e adagiarli su della carta da cucina che possa assorbire l'olio in eccesso. Salare la frittura, trasferirla in un piatto da portata e servirla ben calda, guarnendo con delle fette o degli spicchi di limone che, a seconda dei gusti, possono essere spremuti sui gamberoni.

I gamberoni fritti, piatto molto facile e veloce, si preparano in circa 10 minuti, 5 per l’infarinatura e 5 per la frittura. Trattandosi di pesce, il vino che meglio vi si abbina è un bianco. In particolare sposano bene questo piatto il Verdicchio dei Castelli di Jesi, dal sapore asciutto e leggermente amarognolo, o il Carso Chardonnay, con il suo gusto pieno e armonico.