Filetto di sgombro al miele

2012-11-28
Filetto di sgombro al miele
Lo sgombro appartiene alla famiglia del “pesce azzurro” ed ha delle altissime proprietà nutritive.
Questo pesce è ricco di acidi grassi “buoni” che aiutano a proteggere il sistema cardiovascolare.
Rispetto a tonno e sardine,è più salutare e digeribile.
Inoltre, a parità di proprietà nutrizionali, ha un prezzo molto più basso di altri tipi di pesce azzurro.
In questa ricetta, ne proponiamo l’abbinamento col miele.
Il gusto deciso della carne dello sgombro si lega perfettamente alla delicata dolcezza del miele, in un mix agrodolce intenso ma nel complesso raffinato.

Ingredienti

  • 400 g di filetti di sgombro
  • uno scalogno o un porro
  • aceto di vino bianco
  • un bicchiere di vino bianco
  • un limone
  • un cucchiaio di miele d'acacia
  • olio extra vergine di oliva
  • sale
  • pepe

Preparazione

Step 1

Per prima cosa dovete pulire e sfilettare lo sgombro. Lavatelo bene sotto l'acqua e poi lasciatelo marinare per un'oretta in una marinatura di olio, sale, pepe, limone. Nel frattempo preparate il sughetto per il pesce. Tagliate a rondelle lo scalogno o il porro. Accendete il fornello e tenetelo a fuoco moderato.

Step 2

In una cassuerola di base ampia e di qualche centimetro d'altezza versate un pò d'olio d'oliva e non appena sarà caldo (il segnale è che diventa più fluido) metteteci a rosolare lo scalogno. Appena inizierà a rosolare, aggiungete il miele e un pò d'aceto.

Step 3

Per far addensare il sughetto occorrerà aggiungervi anche un cucchiaino di farina o fecola di patate. Se però dovesse addensarsi troppo, aggiungete un pò d'acqua. Versate lentamente il vino bianco, fino a farlo completamente sfumare.

Step 4

Trascorsa l'ora di marinatura dello sgombro, asciugatelo bene e ponetelo in forno per 10 minuti a 180°. Tiratelo fuori dal forno e sistematelo in un vassoio. Copritelo o accompagnatelo con il sughetto preparato in precedenza.

Step 5

Questa ricetta ha delle varianti che dipendono dal gusto personale. Al posto dello scalogno e del porro, che hanno un gusto più delicato, si possono utilizzare aglio e cipolla. L'agrodolce del sughetto si può ottenere aggiungendo qualche fettina d'arancia e il succo del frutto. Lo sgombro, dopo la marinatura, può essere impanato con della frutta secca sminuzzata e poi messo in forno.

Questo piatto si accompagna bene ad un antipasto di carpaccio di mare affumicato, servito con pepe in grani e olio d’oliva, ai pecorini molto delicati, serviti con miele uvetta e frutta secca.
Si abbina ad uno spaghetto di pesce o ad un risotto, avendo cura di evitare l’acidità del pomodoro e il gusto troppo deciso dei frutti di mare, che altrimenti ne nasconderebbe il sapore e prediligendo il condimento “in bianco” di uno spaghetto alla bottarga di muggine o con le vongole.
Lo sgombro al miele, può essere accompagnato da un vino bianco delicato, mediamente o poco alcolico, da servire fresco, come il Muller Thurgau o il Vermentino di Gallura.
  • Persone : 4
  • Preparazione :
  • Cottura :
  • Pronta in :