Come cucinare fasolari

Come cucinare fasolari

Come cucinare fasolari

I fasolari sono molluschi tra i più prelibati della cucina mediterranea: la loro carne tenera, gustosa e morbida, che quasi si scioglie in bocca, li rende perfetti per realizzare ottimi primi che per valore nutrizionale ed energetico possono anche costituire dei piatti unici in grado di fornire all’organismo – e al palato – tutto ciò di cui ha bisogno.
Pescati prevalentemente nella zona dell’alto Adriatico (vi aggiungo link sito produttori FASOLARI), i fasorali possono essere consumati sia crudi che cotti; in ogni caso, l’importante è pulirli bene e privarli della sabbia accumulata durante la permanenza in mare. Tra i piatti più gustosi che si possono realizzare con i fasolari, c’è il risotto ai fasolari, un piatto molto raffinato che è spesso presente nei menù dei ristoranti di pesce più in voga.
Il procedimento per la preparazione di questo risotto è analogo a quello degli altri risotti, ma particolare attenzione dev’essere posta nella scelta del vino, che deve esaltare il sapore delicato dei molluschi. Un altro binomio particolarmente riuscito è quello che vede i fasolari utilizzati per realizzare primi deliziosi come le linguine o i classici spaghetti con i fasolari.
Sebbene, come accennato prima, i fasolari vengano quasi sempre consumati assieme ad altri ingredienti, essi possono essere gustati anche da soli, magari crudi e conditi con qualche goccia di limone fresco. Chi invece preferisce consumarli sempre e comunque cotti, può realizzare un ottimo secondo a base di fasolari gratinati, cotti al forno e accompagnati magari da un’insalata mista o da verdure grigliate e condite. Chi ama sperimentare e vuole approfittare del sapore delicato di questi appetitosi molluschi, unico nel suo genere, per cimentarsi in piatti d’alta cucina, può optare per un’ottima sauté di vongole e fasolari al pomodoro, una zuppa prelibata da accompagnare con dei crostini o con del pane tostato e leggermente imburrato. Anche in questo caso, l’accompagnamento dei vino è fondamentale e contribuisce enormemente nell’esaltare il sapore dei frutti di mare. Chi si chiede come cucinare fasolari, dunque, ha solo l’imbarazzo della scelta: gli amanti delle verdure, per esempio, possono usare della pasta fresca per preparare un ottimo piatto di strozzapreti saltati in padella con asparagi e fasolari. I bambini, invece, che notoriamente non apprezzano il pesce, soprattutto quello con una consistenza non ben definita, possono apprezzare i fasolari ripieni e poi cotti in forno, accompagnati da puré o patate. I fasolari, infine, sono ottimi per impreziosire anche i classici spaghetti (o linguine) allo scoglio preparati con una varietà di frutti di mare diversi.