Astice bollito con maionese

2013-08-02
Astice bollito con maionese

D’estate molto spesso si preferiscono i sapori di mare a quelli di terra, capaci di rievocare profumi e sensazioni legati ai ricordi di una vacanza o al desiderio di una fuga dalla città.
La ricetta dell’astice bollito nel guscio con maionese è un secondo piatto di mare ideale per cene raffinate e d’effetto, senza dover ricorrere a lunghe e complicate preparazioni.
La cosa essenziale è procurarsi astici vivi, reperibili facilmente in pescheria, perché al contrario potrebbero rivelarsi dannosi per la salute.

Ingredienti

  • 4 astici vivi, da circa 500 gr ciascuno
  • 1 cipolla
  • 1 carota
  • aromi (due foglie di alloro, un rametto di timo, prezzemolo)
  • 1 bicchiere di vino bianco
  • qualche grano di pepe nero
  • sale
  • maionese

Preparazione

Step 1

Innanzitutto è necessario preparare il court bouillon, ovvero il brodo in cui lesserete l'astice, ideale per bollire crostacei e pesci. Riempite una pentola molto capiente con acqua fredda, unendo la cipolla, la carota, gli aromi (timo, prezzemolo, alloro) il vino e il sale, a vostro piacimento. Portate a bollore e lasciate bollire per circa 30 minuti, aggiungete il pepe in grani e fate bollire per altri 10 minuti.

Step 2

Dopo aver lavato gli astici vivi sotto acqua corrente, poneteli nel brodo bollente e coprite con un coperchio. Se preferite che i vostri astici non si ripieghino su stessi durante la cottura, legateli a dei cucchiai di legno. Fateli cuocere per circa dieci minuti.

Step 3

Spegnete il fuoco e lasciateli riposare per qualche minuto prima di scolarli e farli raffreddare. Prima di servirli, lasciateli raffreddare e tagliateli a metà, per la lunghezza, servendoli con della maionese. Se preferite potete anche servirli con olio e limone o con della salsa rosa.

Step 4

Vino da associare: a questo piatto si addice alla perfezione uno Chardonnay, un vino bianco adatto ad accompagnare i piatti a base di pesce e la cui freschezza è ideale per “pulire il palato” durante il pasto.

L’idea in più: mangiare crostacei, come astici ed aragoste, richiede l’utilizzo delle mani, a meno che non si invitino dei professionisti del galateo. Per mettere a proprio agio i propri ospiti è consigliabile, accanto alla pietanza, fornire salviette profumate o una ciotola con acqua tiepida e fettine di limone per lavare le mani durante il pasto.

  • Persone : 4
  • Preparazione :
  • Cottura :
  • Pronta in :