Anguilla alla giovese

2012-10-01
Anguilla alla giovese

Coloro i quali pensano che in Toscana si mangi prevalentemente la carne, si sbaglia poiché esistono tante ricette della tradizione fiorentina in cui l’ingrediente principale è il pesce. Nella ricetta che sto per proporvi l’alimento essenziale è l’anguilla, un pesce che per le sue forme ricorda quelle di un serpente e per questo è poco consumato.
Si tratta di una ricetta antica e di conseguenza veniva preparata e consumata come piatto unico per accontentare le famiglie aretine, essendo la ricetta originaria di Arezzo.

Ingredienti

  • 1 kg. di anguille medie
  • farina
  • 400 grammi di pomodori perini tipo San Marzano o ramati
  • cipolla
  • carota
  • sedano
  • aglio
  • peperoncino
  • olio d'oliva
  • prezzemolo
  • pepe
  • sale

Preparazione

Step 1

Innanzitutto per la preparazione di questo piatto è doveroso pulire per bene le anguille quindi, le spellerete eliminandone la testa, la coda e tagliando ciò che rimane a tocchetti di circa 6/7 centimetri ciascuno, infine lavateli e asciugateli con cura.

Step 2

Ora prendete i tocchetti d'anguilla e impanateli per bene nella farina e friggeteli all'interno di una pentola in cui avrete posto dell'olio d'oliva: a cottura ultimata, riponeteli sopra della carta da cucina affinché venga eliminato tutto l'olio in eccesso.

Step 3

A parte preparate il sugo: tagliate finemente la cipolla, la carota, il sedano, l'aglio e il peperoncino fresco e adagiate il tutto all'interno di una casseruola in cui avrete versato 6 cucchiai d'olio d'oliva. Fate soffriggere tutti gli odori e aggiungete i pomodori dopo averli lavati e privati del succo e dei semi.

Step 4

Salate e pepate a vostro piacimento e fate cuocere il tutto per circa mezz'ora. Prima che la salsa raggiunga la giusta cottura, versateci i tocchetti d'anguilla e continuate a cuocere fino ad ottenere la densità desiderata.

Step 5

Servite i tocchetti d'anguilla in un piatto fondo assieme alla salsa ottenuta e spruzzateci sopra un pizzico di prezzemolo.

Per quanto riguarda il vino, è bene scegliere un bianco come il Costamolino, un vermentino di Sardegna D.O.C, appartenente alle cantine Argiolas che va servito ad una temperatura di 9-11 °C in ampi calici, che grazie al gusto delicato e asciutto sottolineerà il sapore deciso di un pesce come l’anguilla. I piatti abbinabili sono principalmente di pesce come un’insalata di mare o un leggero carpaccio di tonno.

  • Persone : 4
  • Preparazione :
  • Cottura :
  • Pronta in :